17/12
2003

 

A sorpresa mi viene chiesto da Pornorambo di scrivere un editoriale di elogi sul nostro presidente Ciappi.
Per favore, Porno: non farti trascinare dalla massa cattocomunista anche tu.
Abbiamo al Quirinale un uomo di 83 anni che passa da una commemorazione all'altra, di solito confermando con una settimana di ritardo gli umori che la massa televisiva ha lasciato trasparire telefonando ad UnoMattina, oppure propinandoci quel viscido patriottismo che non mi stanchero' mai di denigrare. Insomma, un vecchiaccio che fa rappresentanza. Due giorni fa eccezionalmente si e' ricordato di avere anche qualche potere politico e l'ha usato, sempre con quell'aria di quei vecchi che fanno le cose cosi', un po' alla cazzo, e non capisci mai se e' la saggezza o l'alhzeimer.
Questo e' ciappi, il presidente piu' inutile della storia d'italia.
Per quanto riguarda il merito della questione, devo fare uno sforzo per dire quello che penso. A me la legge Gasparri piaceva perche' mi volevo proprio comprare un paio di canali. Se la mossa di ciappi mi liberasse veramente di berlusconi o almeno di fede, d'altra parte, sarebbe una gran cosa; invece mi liberera' semplicemente di qualche migliaio di lavoratori mediaset e RAI. Badate bene, non se ne andranno i dirigenti, i presentatori o chi sceneggia i programmi (il peggio verra' riciclato su altri canali), ma soprattutto tecnici ed altri sfigati sostituibili.
Scusate se non esulto.
So bene che la colpa dovrebbe ricadere su chi, conoscendo le scadenze, non ha pensato a riorganizzare per tempo le reti. So anche che RAI 3 senza pubblicita' puo' sembrare romantica a molti. In effetti (a parte il fatto che io avrei acquisito TeleGuajeio e CanaLusky) la legge Gasparri faceva (e fa) schifo per moltissimi altri aspetti. Ma fermarla cosi', in questo modo, fa solo maggiore casino e puo' dare solo la soddisfazione di un ceffone a berlusconi, che non compensa la consapevolezza che a pigghiarselo nel didietro sono ben altri.
I signorini dell'Ulivo che adesso godono davanti alle telecamere perche' il vecchio babbo natale ha regalato quello che loro non sarebbero mai riusciti ad ottenere, farebbero meglio a chiedersi chi avrebbe dovuto occuparsi del conflitto d'interessi tra il 1996 ed il 2001 quando il tempo e la maggioranza c'erano.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.