22/7
2003

 

Questa notte, un commando di zanzare ha preso per alcune ore il controllo della camera in cui dormo. Sfortunatamente in quel momento io mi trovavo proprio in quella stanza e mi sono ritrovato ostaggio del commando, costretto per alcune ore ad ascoltare i loro proclami e rivendicazioni, impossibilitato a fuggire.
Oggetto del contendere, la restituzione di alcune zanzare scomparse nei dintorni da alcuni giorni e ritenute prigioniere dei tedeschi. Verso le 23, venuti alla luce in una fossa comune i cadaveri delle compagne disperse, il commando inorridito ha dato luogo ad un ferace saccheggio della zona prendendo di mira anche me. Dopo aver preteso la consegna di un paio di litri di sangue, verso le 23:30 hanno finalmente deciso di abbandonare il sito della dimostrazione.
Durante tutto questo tempo sono stato rannicchiato sul letto in posizione fetale, sperando non rinvenissero le tracce di sangue sulle mie mani.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.