19/6
2003

Cannoni e kebab

Pochi giorni or sono, il nostro ministro bossi ha proposto di prendere a cannonate le zattere di clandestini che invadono le nostre coste. L'idea non e' nuova, tant'e' vero che da diversi anni la sento avvalorare dagli avvinazzati dei bar dei dintorni; il fatto che bossi non riesca ad essere creativo neppure piu' nelle cazzate che spara la dice lunga.
Ma perche' affidare questo delicato compito alle mani dell'esercito italiano, la cui ideologia e' notoriamente ispirata dalla Caritas e dalla masnada no-global? Propongo che chiunque sia d'accordo con le affermazioni del bossi lo sostenga scendendo in strada ed ammazzando il primo extra-comunitario che incontra, senza perdere tempo a chiedergli se lavori o meno, se sia onesto o meno, perche' abbia lasciato il suo paese ed altri sentimentalismi del genere. Coerenza, ci vuole.
Nel frattempo noto come qui a Schio, dove peraltro il leghismo e' ancora alto, il kebab del centro sia affollato tutte le sere da stranieri ed italiani alla faccia del "Magna Talian" che si legge su qualche muro. Mah, fate voi... io sono vegetariano ed il kebab non lo mangio, ma non credo che avrebbe altrettanto successo se lo cuocesse un leghista…

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.