23/9
2003

Di una certa tendenza degli articoli di Nello

L'istinto mi diceva di non farlo... ma alla fine ho letto la prima parte dell'articolo di Nello pubblicata ieri.
Doveroso rilevare come da quando conosco Nello la sua tendenza alla criptolalia si sia fatta sempre piu' accentuata ed il numero di persone che riesce a ricavare un senso compiuto dalle sue frasi sempre piu' esiguo (egli avrebbe certamente una propria spiegazione per questo fenomeno, radicalmente opposta alla mia...)
Mi aspetto di vederlo presto conversare con animali, piante e macigni, nella speranza che almeno gli ultimi due stiano ad ascoltarlo fino alla fine del discorso. Speranza peraltro vana, perche' la vita media di una sequoia e' di gran lunga inferiore alla durata di un discorso di Nello in assenza di violente interruzioni esterne.
O Nello darling: senza arrivare a chiederti di scrivere in italiano, o di venire troppo incontro alla cultura della volgare plebe, oso pero' supplicarti di adottare in futuro almeno una delle seguenti strategie alternative:
1 - rileggi l'articolo dopo averlo scritto: se ti sembra che vada bene, non va bene;
2 - inserisci un riassunto alla fine dell'articolo, nel comporre il quale tu ti sia astenuto dall'usare:
parole con piu' di quattro sillabe;
regionalismi, o termini che tu giuri essere molto usati a Benevento o perlomeno entro 150 metri dalla casa dei tuoi nonni;
termini che non sono ancora mai stati usati in questo secolo, o perche' arcaici o perche' inventati di sana pianta;
vocaboli di cui conoscete il significato solo tu ed Umberto Eco;
termini di cui tu stesso hai dovuto cercare l'esatta dizione nel vocabolario.

Lo so, sarebbe piu' leale confrontarti sul contenuto, piuttosto che sulla forma. Ma veramente non ci ho capito una mazza.

P.S.: Leggetevi questo articolo... in pratica il buon vecchio Fini, la persona (sput!) piu' integerrima (sput!) di questo governo, vuole riportare la legge sulla droga indietro di dieci anni, fregarsene di un referendum e tornare ad equiparare il consumo allo spaccio, le dosi personali a quelle da esporto e le droghe leggere alle pesanti. Entro la fine dell'anno.
Questa e' la casa delle liberta' (sput!).
Questi sono i liberali (sput!).
(sput!)(sput!)(sput!)
Ogni altro commento e' superfluo.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.