2/4
2004

Dream machine

Ieri mi è arrivata la dream machine, ovvero il computer che aspettavo da molto tempo ma che per tutta una serie di motivi ho potuto ordinare solo la settimana scorsa...
Devo dire che è bello, molto bello. Almeno come soprammobile, visto che a causa della riunione del Cinecoso Alternativo ho fatto appena in tempo a disimballarlo e - come si dice? - collegare i vari pezzi. Acceso una volta e non ha dato nessun problema, francamente è più di quanto mi aspettassi. ^^'
Ed anche stasera lo vedrò poco perchè devo uscire a bere. Come direbbe PornoRambo: "Aaargh... birraaaaaa!"

Ora almeno il 50% della superficie calpestabile di VJ (N.D.T.: Villa Gelida) è ricoperto da scatoloni, imballaggi, polistirolo espanso, manuali d'istruzione che non leggerò mai... martedì mi avevano portato pure il letto, quindi ho anche una rete ed un materasso appoggiati al tavolo della cucina (!). Sottraete tutto questo casino da 39 metri quadri e capirete che per uscire dal letto e fare colazione stamattina mi sono dovuto scavare un tunnel tra i rifiuti; solo differenziare gli imballaggi per il riciclaggio mi porterà via tutta la mattina di domani, ma devo farlo assolutamente perchè domani mi arriva la lavatrice. Come dire, mi sto allestendo la tana.

Con la scheda grafica del pc c'è anche il tagliandino per scaricare gratuitamente Half-Life 2 se e quando mai uscirà... ehi, amico della polizia postale che mi stai leggendo, intendo dire gratuitamente e legalmente! Tagliandino che io dovrò rigirare ad uno dei miei amici dsl-dotati perchè con un 56K... faccio prima ad aspettare di trovare il gioco in omaggio nei corn-flakes.

Finalmente il 386 portatile può andare in pensione... e finalmente potrò aggiornare il bloggo anche da casa. Per il momento annuncio che PornoRambo mi sta esortando ad aprire una sezione photoblogga su KarmaChimico, prevalentemente a sua gestione visto che la mia macchinetta da 50 euros

è

defunta (almeno per il momento).
E poi anche perchè lui è più bravino di me a fare le foto, diciamocelo.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.