30/8
2004

Il bello di...

Il bello di una semi/cultura fondata al 90% sui testi scritti (tipo internet, per capirci, ma anche i libri di squola) consiste nell’ignorare bellamente come si pronuncino le parole che pure si conoscono.

Esempio pratico: il titolo del mio post di questa mattina.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.