plus tequila plus

14/6
2004

equAzione

sale plus tequila plus limone


igual








Mentre tutti si affannano, sudano, si esauriscono nel commentare i risultati di queste elezioni europee fingendo di dimenticare come non sia altro che un costoso sondaggio, mentre si inalberano, si incensano, si sdegnano per lo spostamento di mezzo punto percentuale, mentre si insultano e si congratulano, si abbattono e si esaltano, io improvvisamente acquisisco una precisa coscienza politica e la rivendo su e-bay cinque minuti dopo ad un prezzo maggiorato.

La campagna elettorale mi è scivolata accanto con tutto il suo fracasso anni cinquanta (parlo ovviamente delle comunali, visto che le europee in realtà non se l'è calate nessuno). Piazzette e tromboni, spritz e negroni, pizze e cenoni, tutta questa politica ipocrita del "ti pago da bere in cambio di un voto" mi ha solo schifato, senza colpo ferire la scuola democristiana è tornata come una malattia genetica ed ha contagiato tutti i suoi figli. "Ti pago la pizza in cambio di un voto". Che mafia del cazzo.

Votare ho votato, si capisce. Sapevo giocoforza per chi ha andare a votare, un po' perché è il partito a cui credo di più, un po' perché non mi hanno mai offerto lo spritz per un voto (neppure una birretta, ma questa è tutt'altra storia), un po' perché per me il voto è ancora testardamente una questione di appartenenza. Sabato pomeriggio alle 15.10 avevo già votato: tipico caso di eiaculazione precoce, avrei dovuto gustarmelo più a lungo, questo scampolo di fasullo potere che ci concedono.

Sabato sera la pioggia ci ha spinto a rintanarci a Villa Gelida... Quasi tutta la scorta di alcol che avevo in casa è stata depredata; rimangono solo, ben nascoste, una bottiglia di sangue di giuda ed una di montepulciano-discount. Abbiamo concluso più che degnamente la serata con abbondanti dosi di sale + limone + tequila prosciugando così una bottiglia che avevo appena appena comprato: cavallette, ecco cosa sono i miei amici, cavallette!!!

A prescindere dal fatto che la bottiglia l'avevo comprata apposta, e pure i limoni... sto utopisticamente cercando di far sentire in colpa gente che venderebbe la propria madre ad Hannibal the Cannibal.

Tanto qualcosa di positivo l'ho cavato lo stesso: in cambio della tequila, ho convinto almeno un paio di loro a votare per il partito di mia scelta. Politica coerente e pulita.


P.S.: Ancora nessun risultato dalle comunali qui nel triste borgo natio, al momento.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.