23/6
2004

Tritolo Radiodrama

Protagonisti: Cronista del radiogiornale regionale, tizio che forse una volta era un uomo (io).

Scena: Cucina in penombra, il tizio che forse una volta era un uomo sta fumando una sigaretta mentre sorseggia il suo quadruplo caffè amaro dalla tazzona blu con i gatti, souvenir particolarmente indovinato di un viaggio in sudtirolo degli anziani genitori. Cervello concentrato sulla drammatica assenza di pillole magiche nello scomparto medicinali del bagno, immagine del testone di vieri infilato su una picca uruk-hai che prende forma nel lobo cerebrale sinistro. Questa mattina, ore 7.25.

[Cronista del radiogiornale regionale]: A schio, tre quintali di tritolo nell'auto di un noto avvocato il quale dichiara: "Mi sento un sopravvissuto".

Il caffè si ghiaccia nella tazzona, nella mente del tizio che forse una volta era un uomo il testone di vieri viene sostituito dall'immagine di una macchina con le sospensioni distrutte dal peso del tritolo. C'era un posto di blocco poco lontano dal suo luogo di quotidiano sfruttamento il giorno innanzi, trecento chili di tritolo avrebbero finalmente risolto il problema dei parcheggi in zona industriale. Tra l'altro, la zona industriale è l'unica area urbana di schio dove non esiste il problema dei parcheggi.

[Cronista del radiogiornale regionale]: L'avvocato, dopo aver aperto la portiera della propria auto, ha notato all'interno un pacco sospetto che si è inseguito rivelato contenere circa trecento grammi di esplosivo. L'ordigno non è esploso a causa di un errore di fabbricazione.

[Tizio che forse una volta era un uomo]: Prima avevi detto tre quintali.

[Cronista del radiogiornale regionale]: No, avevi capito male tu. Davvero non dovresti andare a lavorare stamattina. Tra l'altro, stai parlando con la tua radio e questo non è normale.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.