28/6
2004

Report etilico-politico

Altre tre serate di festa alle spalle, altre due se ne prospettano a causa della sagra del s.patrono (!!!) che domani farà chiudere le fabbriche del triste borgo natio.

Venerdì solita serata alcolica allo skiosko, fino a quando l’amico Alberto "Ciabatt - ciabatt" Maria al cadere delle prime ed uniche gocce di pioggia ci ha convinti a scendere... salvo poi, appena arrivati a valle, salutarci tutti ed andare a casa. Chi non è di queste parti deve sapere che lo skiosko altro non è che un banalissimo chiosco estivo della birra, la cui principale peculiarità è quella di essere abbarbicato in cima ad una ripida rampa di scale in quella zona verde di schio nota come "il castello"*. Salire al castello provoca una tachicardia tipo popper ma un po’ più duratura, non solo se si hanno i polmoni asfaltati come i miei; di conseguenza, una volta scesi, difficilmente ci si risale. Va da sé che la pugnalata alle spalle di Ciabatt-ciabatt ci ha quindi costretti a cercare un altro locale dove passare il resto della nottata.

Sabato reading di poesia interpretato da un paio di amici, tra i quali l’ormai leggendario ’Rmanzo che ha saputo rendere interessanti delle poesie davvero tremende. Da notare come l’Autore delle poesie, uno sconosciuto, sia riuscito ad accativarsi subito la nostra simpatia presentandosi con un

"Piacere, sono gaetano. Io sono l’Autore. Ragazzi, tra cinque minuti si comincia, potete portare dentro le birre ma non le sigarette."

Per la serie: tiriamo questi poeti giù dal piedistallo, dove peraltro non li ha messi nessuno. Sul fotobloggo ho pubblicato un paio di foto dell’evento, nella fattispecie i due interpreti.

Ieri giornata sorniona sempre in andirivieni tra lo skiosko ed il centro, fondamentalmente io e nello, poi raggiunti da alberto et varie ed eventuali. Pausa dal kebbaparo dove abbiamo bevuto thé caldo e discusso di politica turca e pizza tedesca.

Nel frattempo i B.D.S. (Biechi Social-Democratici) si danno gran pacche sulle spalle in tutta la nazione per la vittoria ai ballotaggi... schiacciante 66% nel triste borgo natio che sarebbe stato ancora più triste se avesse vinto il candidato "pizzetta e spritz" di Farsa Italia. Bush preme per far entrare la turchia nell’Unione Europea, dicendo di voler premiare "uno stato musulmano democratico". Al di là dell’opinione kurda nella faccenda, bisogna rilevare come ovunque appaia bush si senta puzza di bruciato e non solo per la catena di morti che precede e segue ogni suo spostamento.
In serbia si sono svolte le presidenziali, ha vinto il candidato filo-occidentale ed europeista Boris Tadic del Partito Democratico, appoggiato dall’universo mondo. "Non sono un politico che sogna grandi sogni," dice "sono un uomo riservato." Spero per i serbi che "uomo riservato" non significhi come da noi "sono uno che si fa gli affari suoi" (come berlusconi, ad esempio).


* Il castello, così chiamato per motivi lapalissiani anche se ora r/esiste solo una chiesetta sconsacrata, è stato per decenni il territorio privilegiato di tossici, coppiette in cerca di siepi accoglienti e guardoni in cerca di coppiette assiepate. Da una decina d’anni la zona è ridiventata territorio cittadino, essendosene andati prima i tossici (un po’ perchè in calo nella zona, un po’ perchè disturbati nelle loro attività da un servizio paralegale di ronda notturna organizzato dai fasciobastardi), poi le coppiette e a ruota i guardoni, che comunque ogni tanto passano a dare una controllata (non si sa mai).

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.