presidente berluschino, naturalmente. Ogni cazzata che spara subito c'è" />

30/3
2004

Ne sa sempre una!

Eheh, quell'uomo è proprio una sagoma!
Parlo del nostro presidente berluschino, naturalmente. Ogni cazzata che spara subito c'è qualche giornalista rompiballe a mettergli un microfono sotto il naso e mandare tutto in tv... si può anche fare, considerando che si tratta del nostro futuro re, ma almeno sforzatevi di capire le battute! Non prendete tutto per oro colato, ché se fosse oro colato se lo terrebbe lui!

Ad esempio, io quella sulle ferie, le festività, i ponti l'avevo capita subito. Chiaro che scherzava, inoltre si preparava il terreno per quando apparirà evidente che il ponte sullo stretto di messina non si riesce neanche a cominciare: "Ma io l'ho sempre detto che in italia ci sono già troppi ponti! Cosa volete, che ne facciamo uno nuovo?" dirà, e giù applausi e risate e cotillons.

Ma il suo forte sono le barzellette, come l'ultima su pechino: "Sono andato a Pechino e a Shanghai - ha raccontato il premier - e ho notato che c'era un fervore da far spavento: grattacieli, negozi, fiumi di persone. Con un funzionario del Comune sono andato a fare un giro e, sapete com'è, quando voglio io ho una simpatia particolare. Lui mi ha detto: 'qui si lavora sette giorni la settimana, 12 ore al giorno, non ci sono i sindacati. Qui lei diventerebbe ricco'. No guardi, io sono uno dei pochi politici che è diventato ricco prima". "Gli ho anche fatto notare che loro hanno 3.500 esecuzioni capitali all'anno. Lui mi ha risposto: 'sì', ma almeno la metà erano davvero criminali!"
[Fonte: La Repubblica]

Rileggetela. Non è spassosa? Non fa morire dal ridere? Ahahah, già me l'immagino con bush: "La sai l'ultima sulle esecuzioni capitali in cina?" e bush: "Cos'è la cina?"

Quell'uomo mi fa sbellicare, al pensiero che l'avremo al governo per altri tre anni mi vengono le lacrime agli occhi.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.