20/6
2006

You face pressure, I face pressure.

E sposta il frigo di qua, sposta il frigo di là, anche questo fine settimana è stato gioiosamente immolato al dio Traslock, gli elettroaddomesticati sono stati gettati dal cavalcavia ed io sto prendendo in seria considerazione l’ipotesi di trasferirmi in Giappone a cacciare balene. Io, e l’amico di sempre Vittorio Emanuele Alberto, Carlo Teodoro Umberto Bonifacio Amedeo Damiano Bernardino Gennaro Maria, Disavoia, che pare abbia qualche casino con i videopoker e le puttane (insomma, è il padre di famiglia medio italiano). Io, lui e l’amico Gaetano il quale mi spiegava con pacatezza qualche sera fa che, in fin dei conti, il valore etico e politico di questo referendum costituzionale è pari a quello di una messa di sessantesimo celebrata in duomo. E smonta la cucina, e sposta la cucina, si arriva a ricevere aiuto da sponde inaspettate e a scoprire che una lavatrice pesa meno del previsto, che mio padre applicava al bricolage ed in particolare alla costruzione dei mobili una geometria non euclidea e che comunque vada, dopo una giornata di duro lavoro ci sta sempre bene una birretta fresca e davanti ad una pizza si riesce ad apprezzare meglio i ghanesi che invadono festanti le strade del Borgo Natio sventolando bandierone colorate (quelle del Ghana, presumo, ma resto nel dubbio perché che cazzo ne so io, tra l’altro mi mandano in confusione tutte queste bandiere ungheresi che di recente si vedono appese alle finestre). E smonta il computer, e sposta la scrivania, succede che con le braccia graffiate e la schiena sudata si riesca in tre a svuotare Villa Gelida e quasi quasi abbiamo finito, volendo accantonare per un momento l’idea che c’è qualche metro cubo di varie ed eventuali a cui trovare una collocazione, tra i quali il divano bluette della disperazione replica esatta del divano in pelle su cui il piccolo Sigmund Freud venne fatto oggetto di attenzioni sessuali da parte della nonna, un set completo di porcellane barilla e l’emblema di casa Savoia che il giovane Emanuele Filoberto mi ha sbolognato qualche mese fa per sottrarlo alle indagini. E stacca i lampadari, stucca i fori di proiettile e stendi una mano di bianco, si scopre che il modo più rapido per spostare ordinatamente un cassetto pieno di oggetti consiste nell’incellofanare tutto il cassetto con la roba dentro ed infilarlo in uno scatolone, il metodo più efficiente per togliersi dai piedi berlusconi non è metterlo sotto processo ma arrestare tutti i suoi amici con un’inchiesta dopo l’altra fino a quando al pover’uomo non rimarrà più nessuno neanche per giocare a briscola, mentre io ormai sono quasi completamente traslocato, non trovo più una bolletta del gaz ed ancora non ho inventato un nome per il mio nuovo alloggio (ma questo compito, ad onor del vero, l’ultima volta era stato delegato a GimGangster). You face pressure, I face pressure.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.