29/5
2006

Lo zio Lusky

Alle tre e un quarto di questa notte, mentre io mi beavo inconsapevole nei miei sogni di trasloco e vita nuova, la piccola Irene ne approfittava quatta quatta per venire al mondo e ritagliarsi pure lei un po’ spazio. Neanche tanto, per il momento, ma siamo sicuri che crescerà e ci darà soddisfazioni.

Alle cinque e mezza si lamentava perché tutte le sue amiche avevano il cellulare e lei no.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.