7/3
2007

Matusalemme parla

Passano le stagioni, sbocciano i nuovi fiori, tramontano le illusioni di un governo buono ed anch’io, è duro ammetterlo, comincio ad invecchiare. Mi si ammorbidiscono le linee, mi si indolenziscono le giunture, mi si increspano le rughe. Pantaloni di mezza taglia in più, spalla dolorante, quel genere di cose. Un po’ com’è succeso all’amico Fu qualche anno fa, per capirci. Non sono ancora un vecchio incartapecorito come Nello, detto "la mummia di Bosnia", né un rottame ambulante come Pierbulus, ma non sono neppure un ragazzino. Sono quasi messo male come Pornorambo, per dire. Io, che ogni alba arrossiva d’invidia quando mi vedeva e la primavera mi sputava addosso dalla rabbia.
Quand’ero un giovanotto, anni fa, ero contento che la gente guardando le foto mie e di mio fratello scambiasse me per il più vecchio, perché negli anni ’90 "vecchio" era sinonimo di "adulto". Nei crudeli anni 2mila, "vecchio" è sinonimo solo di "vecchio", ed io disegno rughe artificiali sulle foto di mio fratello.
Poi mi consolo pensando che tutti i miei amici stanno messi peggio di me, tranne il Conte di Cavour. Ma il Conte compensa con la demenza senile, primo caso acclamato sotto i trent’anni.

Bene, ok, non rimarrò giovane per sempre, non che ci contassi, solo che non sono preparato. Come si affronta psicologicamente questo inarrestabile decadimento fisico*? Tutti gli altri fanno finta di niente? Non ci sono dei circoli di autosostegno, dei corsi f.s.e. per trentenni** in crisi di trentennità? Dei telefilm sull’argomento? E lo Stato che fa?

Poi mi sento dire che l’importante è rimanere giovani dentro. Riesco ancora a bermi mezza bottiglia di crema di limoncello con Pornorambo senza risentirne la mattina dopo, e questo è quello che in veneto si intende per "giovani dentro". Ma io voglio rimanere giovane anche fuori. Lo so che dovrei accettare serenamente la realtà, in fondo sono l’avanguardia dell’illuminazione zen, no? Il tempo è illusione, le rughe sono illusione, l’illusione è illusione, eccetera. Tuttavia.
Offresi ricompensa.



* A parte la cremina antirughe l’Oreal for men, s’intende.
** Non che io sia così anziano, ovviamente. Mancano ancora oltre 200 giorni a quel traumatico momento di passaggio.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.