2/10
2007

Affondare dentro

L’altra sera, Lucarelli mi ha fatto male. Mi ha fatto male raccontando, con il suo solito stile teatrale, la storia nota come la tragedia di Portopalo, il naufragio fantasma, l’affondamento della F174.
La storia è una di quelle che si sono sicuramente già sentite, ma non si ricorda bene quando, non si sa bene cosa sia successo, sfuggono i dettagli: é una di quelle storie su cui i media non si sono voluti soffermare più di tanto e forse io stesso ho trovato più comodo dimenticare, come probabilmente tornerò a fare in breve tempo. E’ la storia di una nave piena di immigrati clandestini che affonda in acque internazionali mentre tenta di raggiungere la Sicilia, la storia di trafficanti d’uomini con molti milioni e pochi scrupoli che per risparmiare qualche migliaio di euro si accontentano di navi fatiscenti ed insicure, di manovre sbagliate e lamiere squarciate, di uomini che hanno attraversato mezzo mondo per morire annegati nel mare gelido. E’ la storia di subdoli tentativi di nascondere l’incidente, di un intero paese che come in un racconto di Lovecraft sa tutto ma preferisce chiudersi in un silenzio macabro e complice, di poche persone mosse infine da un impulso di umanità che cercano di fare chiarezza, di mostrare pietà, ma si scontrano con gli interessi di chi ha avuto responsabilità nell’incidente, di chi l’ha provocato e di chi l’ha nascosto, di quanti preferiscono fingere che non sia successo nulla.
Di storie come questa se ne sentono troppe, è impossibile prestare attenzione a tutte, indignarsi per tutte, soffrire per tutti. Tanti cadaveri galleggiano sul mediterraneo, affondano nella sabbia, vengono rosicchiati dai pesci fino ad esserne ridotti a scheletri, si coprono d’alghe e spariscono dall’unta coscienza d’europa. Questa storia è solo un po’ più squallida delle altre, tra quelle che siamo riusciti ed abbiamo voluto conoscere, è solo un altro boccone amaro da ingoiare per chi seduto davanti al televisore sente il sangue che gli si trasforma in acqua salata e le raffiche di vento negli occhi, un altro crampo allo stomaco per chi ancora si chiede cosa debba fare un uomo, cosa possa fare un uomo per vivere se dov’è nato non può stare e non può andare da nessun’altra parte, quanto dolore e quanta umiliazione si possano sopportare e quante se ne possano infliggere, un altro relitto che finirà per arrugginirsi nella nostra memoria tra la vergogna e la sensazione che nel mondo non ci sia una vera via di scampo.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.