Nel Luglio del 1884, preoccupato dall’invasione tedesca del Camerun, J.S. Maloroso decise di apportare un’ulteriore modifica al proprio "shuffled log" (abbr. Shufflog) già noto tra i p" />

28/9
2005

Sempre meno bloggo (pare uno scherzo ma non scherzo)

"Nel Luglio del 1884, preoccupato dall’invasione tedesca del Camerun, J.S. Maloroso decise di apportare un’ulteriore modifica al proprio "shuffled log" (abbr. Shufflog) già noto tra i professionisti della telematica applicata al cazzeggio come "l’esperimento Maloroso". Tale aggiornamento, mai uscito dalla fase sperimentale, prevedeva che qualunque utente potesse assumere un’identità e partecipare allo sviluppo dell’esperimento stesso; secondo le intenzioni dello scienziato, questa modifica avrebbe incrementato il livello di democrazia nell’universo e ne avrebbe migliorato il karma complessivo.
Numerosi voci di dissenso si levarono a questo punto contro lo studioso italo-americano, accusato di voler fomentare l’anarchia e la disorganizzazione cosmica. Il prof. Maloroso reagì a queste accuse ribadendo la propria fiducia nella natura umana e nel diritto di sperimentazione; alcuni storici sospettano, tuttavia, che gran parte della sua attenzione fosse ormai rivolta al misterioso progetto Xanalait, mentre altri ritengono che egli fosse in quel periodo già dedito ai baiocchi con la marmellata di fichi e ad altri allucenogeni a buon mercato.
"

[da "J.S. Maloroso: un geniaccio dimenticato", Bradipart Editore, 1958]


Da oggi tutti coloro che lo vorranno potranno collaborare a the Maloroso experiment: basta cliccare sul pulsante Log Me nella barra di navigazione e registrarsi. Non sono previste sanzioni a parte l’iscrizione dei vostri dati sulle pareti dei cessi pubblici del triste borgo natio. Non sono previsti controlli. Non è previsto un bel niente a parte un carretto di bug che bloccherà tutto l’ambaradàn appena qualcuno ci proverà davvero, ma sono rischi della democrazia.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.