30/9
2016

Ain’t nothin’ gonna breaka my stride

Ho combinato due o tre cose nella vita, niente di che, ma meglio di niente. Me ne restano due o trecento da fare e non mi fanno paura. Non scriverò una lista, se non altro perché da qualche parte dovrei includere pure te, ma con un po’ di pazienza e fortuna arriverò in fondo e se non sarà per questa, scroccherò altre vite come si faceva coi gettoni in sala giochi da ragazzini.

Ora ho: un amore, una piccola maestra che mi insegna un sacco di roba nuova (un po’ bella e un po’ brutta) ed un cactus sulla scrivania. Un mucchio di libri da leggere, chilometri da percorrere, canzoni da ascoltare. Un’auto col riscaldamento, pastiglie per il mal di testa, seicento caratteri di cinese semplificato, cicatrici, ricordi, nemici, complici in attività criminose. Cattive abitudini, vizi e segreti. La dannazione di una buona memoria. Un sacco argentato di tè Bao-Chung profumato.

Ringrazio tutti per tutto, infinitamente.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.