29/11
2007

26) Come bisogna lasciarlo cantare, l’italiano?

Buongiorno Italia gli spaghetti al dente
e un partigiano come Presidente
con l’autoradio sempre nella mano destra
e un canarino sopra la finestra.

(Eugenio Montale)


Dopo l’ordinanza anti-sbandati di Cittadella, ecco un altro microcomune padovano che ha deciso di adottare una linea di rigore nei confronti di questa forsennata immigrazione che sfrutta e svilisce le italiche virtù: si tratta di Teolo, ottomilacinquecento e rotti abitanti, in cui l’unico divertimento sembra sia fermarsi in piazza a bere dalla fontanella. Persino la descrizione del mio quartiere occupa più spazio su wikipedia, ed è tutto dire.
Teolo sembra essere il primo comune italiano dove, per iniziativa del sindaco di AN, un cittadino straniero è stato sottoposto ad un serio esame prima di ottenere la cittadinanza italiana. Anzi, una cittadina: Yenisheidi "Jenny" Rodriguez, fino a due giorni fa cubana, da ieri felicemente italiana. Se interpreto correttamente le mie fonti, pare che questo esame sia effettivamente previsto dalla legge, ma che di solito venga trascurato o ridotto a semplice formalità: ci si accontenta del fatto che il richiedente soddisfi i requisiti minimi di base (che sia in Italia da tot, o sposato con un/a italiano/a da tot, che non abbia ucciso nessuno, o che non sia possibile dimostrarlo, che non appartenga ad Al Qaeda, o che abbia almeno restituito la tessera), che abbia fatto domanda in cinque copie, che abbia appiccicato l’adeguato importo in marche da bollo e che il ministero, con tutto il tempo che reputa necessario, abbia dato il via libera. Al sindaco di Teolo questo non è bastato, ha voluto sottoporre Jenny anche ad un colloquio per verificare la sua conoscenza della lingua e della cultura italiana, pare anche con qualche domanda sulla Costituzione, concedendole infine una senz’altro meritata "promozione" ed accogliendola come concittadina. Facile immaginare cosa succederà quando invece di una cubana lo stesso sindaco si troverà di fronte una donna in burqa, ma per una volta non voglio assumere pregiudizialmente una posizione contraria all’iniziativa solo perché viene da un esponente di Alleanza Nazionale, o da un padovano. In fondo, stavolta sembra essersi trattato solo di applicare una legge, mica di inventarne di nuove con il solo preciso scopo di scassare le palle al mondo, poteva andare molto peggio. Mi limito solo a proporre un piccolo e quasi insignificante miglioramento a questa legge, dato che comunque si dovrà riprendere a parlarne in parlamento: venga sottoposto allo stesso esame, una breve batteria di domande sulla lingua italiana, la Costituzione ed il repertorio di Toto Cutugno, anche chi cittadino italiano lo è già per nascita. Ogni dieci anni, per esempio. La bocciatura potrebbe comportare, chessò, l’ineleggibilità a cariche pubbliche, oppure qualche rituale di pubblica umiliazione, ma di quelli che non comportano la possibilità di diventare famosi. I promossi potrebbero invece non solo mantenere la cittadinanza così com’è, ma partecipare magari anche all’estrazione di un viaggio-premio a Teolo, a visitare la fontanella.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.