Che posso dire?
Che è meglio avere amato e perso piuttosto che mettere linoleum nei vostri salotti?"
(LeRoy Johnson)


Ormai sono diventato un maestro nel pa" />

20/2
2008

Il liberismo ha i giorni scontati

"Che posso dire?
Che è meglio avere amato e perso piuttosto che mettere linoleum nei vostri salotti?
"
(LeRoy Johnson)


Ormai sono diventato un maestro nel partecipare alle riunioni. Annuisco perfettamente a tempo, esprimo dissenso (quando c’è da esprimere dissenso) o approvazione (quando la cosa non mi riguarda), borbotto "uhm" o "ah-ah" al momento giusto, fisso negli occhi l’interlocutore e intanto mi faccio dei viaggi bellissimi in posti molto lontani e pieni di sole. Non ascolto una parola. Sbadiglio con le orecchie, senza farmi notare.


(Dato che resta un sacco di spazio ne approffito per pubblicare alcuni annunci, così magari riesco anche a rimediare un po’ di pilla:)

Isola tropicale molto seria SELEZIONA un candidato al ruolo di government manager. Richiedesi predisposizione alla leadership, ottima capacità di agire in situazioni di stress o embargo economico e conoscenza dei fondamenti della dottrina marxista. Non è necessaria la predisposizione al lavoro in team. Offresi contratto a tempo indeterminato, delega al comando delle forze armate e divisa aziendale.
E’ stato SMARRITO un Nello alto, bruno, magro e peloso. Avvistato l’ultima volta verso metà Gennaio all’interporto di Tuzla mentre molestava ubriaco la figlia di un mujaheddin. Alto valore sentimentale, offresi ricompensa per ritrovamento o informazioni.
VENDESI al miglior offerente partiti e leader politici di tutte le dimensioni, anche artigianali. Completa la tua coalizione oggi stesso!
CERCASI film americano in uscita nel 2008 che non sia il quarto capitolo di una saga uscita vent’anni fa, scambio con film italiano usato pochissimo con cinquantenni che fanno sesso e vescovi che si incazzano.


’sto capitalismo mi stressa.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.