5/6
2009

Il mago di Oz

Ormai ogni volta che sento parlare di Bruscoloni mi viene la nausea, ed il solo pensiero di avere quel filibustiere a capo del governo ancora per altri anni mi fa accapponare la pelle. Bruscoloni che si trastulla con le ragazzine, Bruscoloni che viene mollato dalla moglie, Bruscoloni che fa le feste, Barlusconi che attacca i giornali, Bruscoloni che carica la banda sull’aereo di Stato, Bruscoloni che viene inquisito, Bruscoloni fotografato, Bruscoloni che sequestra le foto, Bruscoloni che mente sui clandestini, Bruscoloni che corrompe Mills, Bruscoloni che accusa i giudici, Bruscoloni che cede il Veneto in vassallaggio a Bossi, Bruscoloni che ci ripensa, Bruscoloni, Bruscoloni, Bruscoloni.
Bruscoloni ha ormai ridotto l’Italia ad una colossale sit-com su Bruscoloni, di quelle con la battuta ad effetto e le risate registrate, mentre fuori dal set la gente vive una vita che Bruscoloni contribuisce a rendere più difficile. Però è anche vero che il protagonismo del tiranno, in fondo, fa comodo a tutti. Fa comodo a chi fideisticamente lo segue e lo sostiene perché ne condivide i disvalori e si identifica in lui, nella sua prepotenza e nella sua arroganza, nella sfacciataggine e nel malcostume, pensando che se il tiranno ruba, corrompe e mente anche il suddito sia legittimato a rubare, corrompere e mentire, se il tiranno s’appropria dei beni dello Stato anche il suddito potrà allungare le mani, se il tiranno disprezza le regole il suddito le potrà ignorare, se il tiranno eleva lo squallore a prestigioso modus vivendi anche il suddito potrà liberarsi degli scrupoli e trovare giustificazione ad ogni impudenza, sopraffazione e violenza, ma il tiranno fa comodo anche a chi lo odia, a chi ne fa monolitico bersaglio di invettive ed attacchi verbali, oggetto lontano di un furore quasi amorevole, perché l’ossessione contro un simbolo incarnato lo libera dalla fastidiosa esigenza di fare i conti con la massa che lo sostiene, di scoprirne i motivi, di fare politica parlando ed interagendo socialmente invece di mugugnare tra simili e delegare la causa di ogni male sociale ad una persona sola, la quale vista obbiettivamente non è altro che un vecchio meschino con troppi soldi e molte turbe psicologiche, un mago di Oz che fa la voce grossa per darci ad intendere di essere potente ed invincibile, mentre è lì che s’incipria il naso ed è terrorizzato dalla calvizie, ha la pancetta e si risolleva l’autostima con l’amore mercenario.
E’ questo l’uomo che sta tenendo per il collo il paese, attorno al quale girano gli interessi e le frustrazioni di giornalisti e gente che finge di esserlo, che ha ridotto la politica ad un dibattito sulle sue malefatte, che ha affidato il governo a neofascisti e demagoghi e ci fa vergognare di essere italiani? Basterebbe un soffio di vento più forte per spazzarlo via dalle stanze del potere e dalle prime pagine dei quotidiani, probabilmente anche per fargli prendere un raffreddore che alla sua età, si sa, non è mica una cosa da ridere. Il problema è che qualcuno ci ha detto che il tiranno è troppo forte, è imbattibile, è un semidio o una catastrofe biblica, che noi comunque non abbiamo abbastanza fiato, che per liberarsi di lui servirebbe almeno un altro tiranno di eguale levatura, e noi in fondo in fondo a queste fesserie un po’ ci crediamo, anche se quel qualcuno che ce le ha raccontate è solo un noto ballista brianzolo.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.