8/6
2009

La maledizione della penisola delle scimmie

Lo ammetto, ho votato, mi sono sentito vagamente ripugnante ma l’ho fatto, ho elargito crocette come se piovessero sia per il sondaggione su Berlusconi travestito da elezione europea che per le amministrative del Triste Borgo Natio. E non c’ho guadagnato una lira, sia chiaro che sono proprio fesso. Nel primo caso ho votato per uno dei pochi politici che mi sembra credere a quello che dice, uno che addirittura spesso mi convince e no, in nome della mia riservatezza non vi dirò chi è, sappiate solo che è un bell’uomo, molto affascinante, porta l’orecchino, ha i capelli brizzolati e sputa quando parla (no, Briatore non è un bell’uomo, pensateci meglio). Nel secondo caso aaargh, possa la mancanza di dio fulminarmi, ho votato per il sindaco uscente, bieco socialdemocratico con tendenze dittatoriali ed una concezione surrealista della viabilità, espressione della casta baronale democrista al potere da quando Djiou Khan preparava ancora gli involtini primavera senza decongelarli, e l’ho fatto solo per evitare cercare pateticamente di evitare che i filibustieri della Bega Nord ed i loro alleati nanisti e fascisti salgano al potere e trasformino quest’anticamera dell’inferno dove vivo nella latrina di satana.

[Con un climax così è impossibile scrivere una conclusione. Chiudete gli occhi ed immaginate per cinque minuti le fiamme infernali che avvolgono il Triste Borgo Natio, il pianto e lo stridore di denti, le campane dell’Ade che suonano a festa, l’odore di zolfo e fegatini.]

[Proseguiamo con l’anticlimax]

Nel primo caso, inutile dirlo, il partito che ho votato non ha raggiunto il quorum e rischia l’estinzione. Bwahahahahah, ormai sono diventato un party-killer, ditemi chi volete eliminare dalla scena politica ed io lo voterò, condannandolo alla disfatta ed all’oblio. Nel secondo caso, bisognerà attendere lo spoglio del pomeriggio prima di sapere se posso cominciare una faziosa campagna denigratoria nei confronti dei miei concittadini o se dovrò attendere due noiose settimane per il ballottaggio.

Ad ogni modo, pare che Ferrero abbia mandato un tizio con il piccone in Puglia, nun se sa a far che.



Concludo con un paio di facezie. Per tutti quelli che avevano il pollice opponibile negli anni Novanta e che ora hanno tanta nostalgia del tempo felice della loro infanzia, si sono riformati i Nirv... no, quasi meglio, stanno per uscire nuovi episodi della saga di Monkey Island. Se vi state chieendo cosa sia Monkey Island, siete pregati di tornare su Facebook ad accudire i vostri cuccioli o a fare quel che fate di solito. Inoltre la Lucasarts, dove ciò che vi è di più sacro al mondo viene calpestato e deriso, ha deciso di rovinare i nostri ricordi facendo uscire una nuova versione pettinata del videogioco originale, e quando dico "pettinata" intendo dire "oh my fucking Commodore, come hanno conciato i capelli di Guybrush?!!"

Non che io avrò mai tempo per giocarci, impegnato come sono a combattere il crimine e salvare il mondo ogni settimana, ma ’nsomma, magari a quelli che non dovranno maledire la giunta rimarrà del tempo libero.

[politica e videogiochi, sì, e venitemi a dire che l’accostamento è poco serio.]

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.