9/11
2016

Make America bad again

E quindi pare che abbia vinto il mostro, la barzelletta, l’ipotesi per assurdo. Da un lato possiamo tirare un sospiro di sollievo: finalmente si può ritornare a dire che gli americani sono una massa di idioti, come sospettavamo. Dall’altro, avremo un pazzo furioso seduto sul trono più importante del mondo. Non che l’alternativa fosse molto meglio, eh: la Clinton è un’opaca destrorsa, ed entrambi sono comunque strumenti di chi detiene veramente il potere nelle democrazie borghesi, ovvero lobby e multinazionali. Considerando peraltro che spesso, non solo negli Stati Uniti, i danni peggiori a livello internazionale li hanno fatti presidenti di cosiddetto centrosinistra: Kennedy, Clinton, Blair, D’Alema...
Ci aspettano sicuramente tempi interessanti, ma difficilmente più cupi di quelli attuali. Se Trumpo si dimostra il pupazzo che sembra, gli confezioneranno un bell’impeachment nel giro di un paio d’anni e poi ce lo toglieremo dai piedi. Ma non scordiamoci che i politici una volta eletti fanno spesso il contrario di quanto avevano promesso in campagna elettorale, nel qual caso Donny potrebbe essere il miglior presidente della storia mondiale.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.