29/11
2007

Ritorna Forza Italia, non facciamoci prendere dal panico

Porchetta LiberaIeri Berlusconi ha annunciato che Forza Italia non si scioglierà. So cosa state pensando, anche a me pareva di aver capito il contrario, ma da quando controlla solo Mediaset il suo pensiero non mi giunge più così limpido come una volta.
Il nuovo partito si costituirà quindi come un "partito-rete" (non si capisce se rete nel senso di rete televisiva, o rete nel senso di rete fatta dal Milan) di cui faranno parte i partiti della Cdl, i circoli della Brambilla ed altri gruppi di auto-aiuto; anche sul nome non vi sono più certezze, potrebbe chiamarsi "Partito della Libertà" o "Popolo della Libertà" a seconda di quanto gli esperti di marketing del capo decideranno di far risultare da un apposito referendum. Esclusa, senza neanche una reale discussione, la mia proposta di chiamarlo "Porchetta Libera": evidentemente questa è gente nonostante le pretese retoriche non riesce ad emanciparsi dagli schemi e dai linguaggi della vecchia politica. Alcuni osservatori, confusi dall’apparente* cambiamento di opinione del fine stratega di Arcore, si chiedono come reagiranno i suoi sostenitori, se si stancheranno finalmente di seguire la banderuola o se invece si identificano a tal punto nell’uomo-simbolo da continuare a seguirlo a prescindere da qualsiasi strunzata dica o faccia. I più, tuttavia, preferiscono non interrogarsi sul grande mistero italiano rappresentato dall’elettorato di Forza Italia e preferiscono concentrarsi sui presunti alleati del lampadato, i quali hanno l’aria di essere a loro volta quanto meno perplessi.
Mi consola il fatto che anche Fini, uno che conosce Berlusconi molto meglio di me avendoci pure scopato, sembra aver sofferto le mie stesse incomprensioni; dopo settimane di scazzi reciproci ieri sera il presidente di Alleanza Nazionale ha ironizzato sul salto della quaglia del plasticoso alleato e sui suoi cangianti riferimenti geografici in merito alla riforma della legge elettorale**, ricordando come non sia scontato che Berluscaccio, in caso di caduta del governo Frodi, ritorni automaticamente ad essere leader della Casa della Libertà. Casini, al momento, sembra allineato sulla linea Fini. Bossi già da tempo va dove gli dicono di andare, dice quello che gli dicono di dire, si siede a sbavare in un angolo, incassa e se ne va.
E’ facile prevedere che lo strappo verrà ricucito e gli attuali dissapori, per quanto aspri, verranno presto dimenticati in nome della realpolitik; oggi come oggi, però, il fronte compatto della destra sembrerebbe essersi spaccato, alcuni dicono addirittura spacciato, e comincia a farsi sentire anche a sinistra la tentazione di sciogliere le camere ed andare a votare il prima possibile, approfittando del momento di debolezza dell’avversario, senza lasciare a Fini il tempo di inghiottire l’ennesima umiliazione della sua vita tristanzuola tornando tra le accoglienti braccia del Banana. Alcuni risibili dettagli come la grave crisi interna al centrosinistra, la precarietà delle sue alleanze, la legge elettorale che continua a fare schifo, la mancata risoluzione del conflitto d’interessi, la necessità di alcune riforme urgenti possibilmente prima delle elezioni (tra tutte, quella della Rai), paiono diventare sempre più trascurabili di fronte all’improvvisa possibilità di mettere alle corde l’avversario e capitalizzare l’entusiasmo per la cosiddetta novità del Partito Democratico. Aleggia nell’aria l’idea che un tempestivo harakiri consentirebbe di infliggere un altro colpo al nano malefico e contemporaneamente di incoronare il buon Uoltér, beniamino di grandi e piccini, nuovo re di Tàlia. Probabilmente questo esecutivo, nonostante la noiosa serietà ed efficienza applicata da Prodi al risanamento dei conti pubblici***, non ha né i numeri né le idee per governare bene o per attuare tutte le grandi riforme che avevano promesso; non lusinghiamoci tuttavia per l’ennesima volta con l’illusione che sia arrivato il "momento buono", che il nobile fine di salvare l’Italia dal galletto mafioso giustifichi qualsiasi mezzo, compreso imitarlo nelle sue politiche di sputtamento delle istituzioni e svilimento della democrazia. Sono consapevole che persino un governo di democristi affaristi sarebbe preferibile al ritorno al potere dell’unico corleonese con accento brianzolo, ma ugualmente credo che per Prodi e compagnia danzante sarebbe più saggio, oltre che più onesto e di sinistra, prepararsi dopo tanta agonia ad un sereno trapasso portando a compimento almeno gli atti di governo indispensabili, con serietà e dignità: quel poco che resta, almeno, dell’unico capitale che a Berlusconi palesemente manca.



* "Apparente", perché lui nega di aver mai cambiato idea. E’ lo stesso principio per cui le religioni monoteiste attribuiscono alla divinità l’immutabilità: ciò che muta ammette la propria imperfezione, ciò che è perfetto non può che essere sempre uguale a se stesso.
** Riassumibili in: "Germania o Spagna purché se magna".
*** E a poco altro, bisogna ammettere. Ma è già qualcosa di più del governo precedente.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.