30/11
2007

Scandalosamente normale

La vicenda di Marko Ahmetovic, un rom 22enne che ad Aprile, guidando ubriaco, ha investito ed ucciso quattro giovani ragazzi, sta suscitando su Internet e nel mondo dei vivi l’ennesima polemica ipocrita e farlocca. Pare infatti che Ahmetovic abbia fatto da testimonial per una linea di abbigliamento, già sparita da eBay a causa delle clamore suscitato, incassandone una cospicua ricompensa. Lui nega, il suo vero o presunto manager conferma, la guardia di finanza non rilascia dichiarazioni. Pare anche che abbia scritto o almeno firmato un’autobiografia, dallo stucchevole titolo "Anche io sono un essere umano", in libreria per natale se la casa editrice non si caga sotto. Tutti a chiedersi come sia possibile, in che mondo viviamo, dove sono la legge e la giustizia, io le avevo messe lì, prova a vedere nel primo cassetto della sala, ecc. ecc.
Marko Ahmetovic è stato processato e condannato a sei anni e rotti di arresti domiciliari, dove al momento si trova. L’ultima volta che ho sfogliato il codice penale (era nel 2002, cercavo il posto dove PornoRambo nasconde il fumo) non era vietato lavorare mentre si è agli arresti domiciliari, e neanche ricevere compensi per il proprio lavoro. Avete presente Callisto Tanzi? Scommetto che anche lui sta facendo quello che nel suo ambiente si chiama "lavorare", qualsiasi cosa sia. Se prendiamo per buono che il concetto di "lavoro" comprenda anche posare per delle fotografie pubblicitarie o firmare libri che non si sono scritti, beh, allora deve essere valido anche per Ahmetovic. E’ ripugnante che qualcuno (lui e/o il suo agente) approfitti di un drammatico fatto di cronaca per diventare ricco e famoso, ma non è il primo caso e non sarà l’ultimo. Siamo caduti in basso, ma questo non è neanche il peggio che si sia mai sentito, suscita clamore solo perché il protagonista è un rom ed è facile istigare associazioni mentali con delitti ed assassini che con questo non hanno nulla a che fare. L’agente pubblicitario, tale Alessio Sundas, si difende dalle polemiche sostenendo che non si vergogna, che creare star è il suo lavoro, che non è lui ad essere cattivo, ma la società che lo ha disegnato così. Fa schifo, ma non mente. Inutile appellarsi alla legge, fare inchieste, chiedere indagini ministeriali: tutto è avvenuto secondo le regole di un mondo progettato scientificamente per farti sentire una merda, e la decenza non si impone per decreto. Basterebbe che quella linea di abbigliamento restasse invenduta nei magazzini, che il libro accumulasse polvere in libreria, e la prossima volta i cacciatori di star ci penserebbero sopra due volte prima di fare business sulle tragedie. Purtroppo, però, questo non succederà: sarebbe necessario qualcosa che agli italiani manca, come la dignità ed il buon gusto. Non dimentichiamoci che questo è lo stesso paese in cui due anni fa migliaia di giovani andavano in giro con scritto a chiare lettere "De puta madre" sul torace. Pagando. Questo è anche il paese dove un tizio, dopo essere stato condannato per concorso esterno in associazione mafiosa (un esempio tra i tanti), non solo ha girato uno spot pubblicitario per una compagnia telefonica, non solo ha scritto diversi libri, ma è stato anche candidato alla presidenza del senato. Ha fatto molta più strada di un rom che vende abbigliamento tamarro su eBay, eppure a tutti sembra perfettamente normale.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.