26/11
2007

Ullalà! Le dernier acte!

A sorpresa, almeno per me, è prevista a brevissimo la pubblicazione in italiano del quarto ed ultimo volume della tetralogia del mostro di Enki Bilal. Con notevole slancio di fantasia si intitola "Quattro?" ed è uscito in Francia già a Marzo; il fatto che mi sia sfuggito fino ad oggi indica che non faccio poi una vita così noiosa da riuscire a seguire ogni mossa di Bilal, il che mi dà un certo sollievo.
Anche se poi uno si chiede, come mai è passato solo un anno tra il terzo ed il quarto volume? Eh? Ti sei stufato, Enkino? Hai fatto le cose di fretta? Non ci metti più l’impegno di un tempo? Devi pagare anche tu il conto dell’elettrauto?
Ti capisco, sai, ma dato che immagino di dover sborsare qualche euro per leggere questa tua ultima fatica*, spero che effettivamente di fatica si sia trattata e non di quaranta pagine di personaggi che si muovono nella neve o nel deserto solo per non star lì a disegnare gli sfondi. Le recensioni lette in giro mi fanno sorgere qualche sospetto per quanto, a dirla tutta, siano scritte generalmente in una buffa lingua che non conosco. Facciamo che anche stavolta si va sulla fiducia, solo perché sei tu, ma c’è un’ultima volta per tutto.

* Oltre all’elettrauto, ça va sans dire.

UPDATE: Il mio spaccino di fiducia me lo dà in uscita per il 12 Dicembre. Quando gli ho chiesto il prezzo non mi ha risposto, era già sul sito dell’Alfa a prenotare la macchina nuova.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.