4/6
2009

’nsenepuòpiù

Gent.le Sigr.Ra Taldeitali,

se ritiene che essere prima di tutto sposata e madre di 4 figli nonché laureata in teologia presso l’Università di Sticazzi siano requisiti validi per diventare sindaco, significa che probabilmente conosce bene la fetida cittadina in cui abitiamo ma che tuttavia non conosce affatto bene me e le mie sensibilità politiche, per cui la invito d’ora innanzi a tenere i Suoi volantini luccicosi lontani dal mio parabrezza o dalla mia cassetta delle lettere. Mi premuro di informarla che in caso contrario provvederei immanentemente, qualora dovessi incrociarla per strada, a sputarle in un occhio previo confronto con la foto segnaletica da lei gentilmente inviatami.

Colgo l’occasione per estendere l’invito a tutti quanti ritengono utile e vantaggioso a fini propagandistici specificare nelle informative elettorali il proprio stato civile e la quantità di cuccioli sfornati, a meno che intendano mettermeli a disposizione per riti propiziatori a Chtuluh o altre amenità.

E al tizio con il ridicolo parrucchino, in quanto tale.

Siempre vuestro,

un cittadino.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.