17/9
2003

 

Nonostante la serie di sgradevolezze che ha bersagliato la mia vita privata a partire dalla scorsa primavera (la maggior parte delle quali ho preferito mantenere riservata) devo riconoscere che in quest'ultimo periodo mi sto piuttosto divertendo.
Sono depresso e angosciato e fottuto e tutto il resto, ma mi diverto. E' un anno di merda e spero che finisca in fretta, ma quest'estate e' stata guajeia e tuttora ci sono un paio di storie in giro che vorrei proprio vedere come vanno a finire... senz'altro solo per curiosita'. Devo anche dire che dover mantenere aggiornato un blog mi aiuta molto a responsabilizzarmi (meno di possedere un cane, ma sempre piu' che dover badare ad una ragazza).

Oroscopo della Bilancia: rimandate il suicidio al prossimo trimestre.

P.S.: il prossimo trimestre comincia tra due settimane.

Mentre fumavo una sigaretta, poco fa, mi sono trovato a riflettere brevemente su alcune persone del mio entourage. Bizzarro come io mi trovi a frequentare ogni persona per un motivo diverso. Per alcuni provo una sorta di affinita' intellettuale, per altri un'affinita' di stile, con altri condivido una sorta di strana comunione spirituale... alla prossima cicca dovro' cercare di riflettere su qualcosa di piu utile.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.




16/9
2003

 

OK... provo a darvi il muro del pianto. Ammesso che funzioni, immagino che si trasformera' presto nell'anticamera della latrina di satana; ma a dire il vero godo troppo nel mettere a disposizione di tutti uno spazio dedicato all'odio, agli insulti ed al veleno che tenete dentro. Non solo nei miei confronti, spero.
Tre concetti di base che sono tutto il necessario per l'utilizzo di questo forum:
1) Il link per arrivarci e' in alto a destra. -->
2) Il forum e' in fase sperimentale, la grafica (ad esempio) fa schifo ma non ho tempo per sistemarla.
3) Non ho tempo neanche per stare dietro al forum nel corso della giornata, quindi se si impalla a furia di cazzate rimarra' tale per un tempo indefinibile.
Per il resto questo e' il mio regalo per voi. Come tutti i regali potete usarlo o sbattervene; in quest'ultimo caso ne riceverete uno uguale a natale.




15/9
2003

 

Frammenti di un sabato bizzarramente etilico:
Una persona che mi racconta i propri dolorosi ricordi. Io sono consapevole di non avere il diritto di essere messo a parte ne' il coraggio di rimestare a mia volta nel gorgo nero della mia memoria, mi limito ad un impegno silenzioso a non fare il rompicoglioni, almeno per una volta. Un tipo preso dall'acido che non riesce a smettere di ballare. Un sacchetto di carta con le videocassette del Padrino. Persone che si avvicinano e si allontanano come se il tavolo di legno fosse una specie di cuore pulsante. Io scendo galleggiando dal castello tenuto per mano da Bambi, ma nella mia mente batte ritmicamente il pensiero "sonofottutosonofottutosonofottutoso..." come in una tirata di popper. Un amico che pretende le mie pubbliche scuse per avvenimenti che ricoprono posizioni infime nella mia graduatoria degli eventi memorabili. Accordo le scuse per sfinimento ed un vago pentimento. Niente di tutto quello che e' successo ha a che fare con il mio realissimo essere fottuto. Porto la principessa Bandolina sulle spalle. Qualcuno mi afferra e mi solleva da terra. Tutti i bar che chiudono in sincronia. Accordi e disaccordi sulla conclusione della serata. Accompagno tutti a casa e chiudo il sipario.
Dopo due giorni un frammento completamente dimenticato viene riportato a galla con la forza per via telematica.
(Dagli archivi segreti di Lusky):
"Occupo la tua solitamente vuota casella e-mail per ricordarti una scenetta davvero stupenda da inserire nel tuo stupido blog tanto per aumentarne un po' il livello intellettuale...

Lusky: guarda che ubriaca... hai preso il sacchetto?
S.B.: non sono cosi' ubriaca
Lusky: si' ma hai il sacchetto?
S.B.: ma non sono ubriaca
Lusky: ma il sacchetto ce l'hai o no??!!
S.B.: non sono ubriaca, non ho bisogno del sacchetto
Lusky: cosaaa?!
S.B.: non ho bisogno del sacchetto per il vomito!
Lusky: ma io intendevo il sacchetto con le videocassette del padrino!!!"

Aggiungo solo che mi sembra insolito aver pronunciato la frase "guarda che ubriaca...", ma forse e' stata inserita all'unico scopo di screditarmi ulteriormente.




12/9
2003

 

Decisamente il mio proposito di impiegare questo blog per imparare l'XML sta languendo. Direi che anzi questo posto si sta trasformando in un efficentissimo laboratorio di cazzatologia.
Il lato positivo e' che mi permette di tenere i contatti con po' di gentaglia che presto andra' a gongolarsi all'universita' ma che almeno occasionalmente potra' aggiornarsi sugli sviluppi del Movimento Autoreferenziale Digitale. Il lato negativo e' che i contatti rimangono unidirezionali, perche' io per ascoltare le loro cazzate devo rivolgermi ad altri mezzi. La soluzione a questo problema e' abbastanza palese... ma comportera' un'ulteriore lotta contro la mia pigrizia. Vedro' cosa posso fare.




11/9
2003

 

Calma vigile. Potrebbe succedere qualcosa.
Gli anniversari sono bestie pericolose perche' cariche di simbolismo. Tutti amiamo il simbolismo, ma politici e terroristi ne vanno davvero pazzi. A volte anche la storia e' bizzarramente simbolista, come quando fa scatenare un attentato contro gli Stati Uniti proprio nell'anniversario del golpe cileno.
Cambiando argomento: uno dei membri del mio entourage risulta attualmente disperso in una fantomatica penisola calcidica.
Chiunque sappia dove si trovi questo luogo e' pregato di avvisare quanto prima le autorita' nazionali o, eventualmente, internazionali. Tale individuo e' infatti ricercato dall'FBI per esercizio non autorizzato della professione di coltivatore diretto e per uso terroristico della lingua italiana.

P.S.: Una delle persone alle quali mi sono inconsciamente ispirato per la favola narrata ieri mi ha scritto una e-mail molto cattiva, arrivando a dire di non aver mai conosciuto "un bastardo simile" e apostrofandomi "ROIA" (l'uso del maiuscolo dovrebbe ovviamente accentuare la gravita' dell'insulto).
Desidero ribadire, cara "Principessa Bandolina", che le cazzate sono davvero piu' sopportabili quando sono espresse in forma sintetica. Ma non stavo affatto pensando a questo mentre tu mi raccontavi l'entusiasmante storia del tuo fondotinta: in realta' il 30% del mio cervello stava pensando ai cazzi suoi, il 50% stava pensando alla gnocca come sempre ed il 10% ti stava sbirciando le tette. Da cui si deduce che (100 - 30 - 50 - 10 = 10) basta il 10% del mio cervello, peraltro atrofizzato, per ascoltare e memorizzare le cazzate che esprimi in forma non sintetica.
Ma ti vogliamo tutti bene comunque.




10/9
2003

 

Oggi sembra una bellissima giornata.
Sembra, ma non lo e'. Perche' stanotte non ho dormito bene, stamattina mi sono svegliato con mezza faccia inspiegabilmente gonfia, perche' e' da domenica che non esco di casa se non per venire al lavoro...
Vabbe', affinche' almeno voi siate lieti, vi narrero' la meravigliosa favola de:

La Principessa Bandolina ed il mistero del fondotinta scomparso*
C'era una volta, tanto tempo fa, una bellissima principessa di nome Principessa Bandolina. Un giorno la principessa decise di recarsi in viaggio nel lontano paese di Cruccolandia, e si porto' appresso la propria fidata damigella. Nel paese di Cruccolandia Principessa Bandolina e la damigella si divertirono molto frequentando i balli di corte e conoscendo molti principi bellissimi; ma una sera la principessa si reco' ad una serata danzante alla quale le damigelle non erano invitate, e fu percio' costretta a congedare la sua.
Purtroppo la damigella era in realta' una terribile strega che da anni viveva sotto mentite spoglie nel palazzo della principessa per carpirle i suoi averi, conquistandosi l'affetto del re e della regina. Quando Principessa Bandolina la allontano' dal ballo, la strega si infurio' segretamente e fu cosi' che, nel corso della notte, si intrufolo' nella camera della principessa e per vendetta le sottrasse il suo prezioso fondotinta magico.
Per anni Principessa Bandolina si interrogo' sulla sorte toccata al fondotinta che la rendeva bellissima senza mai sospettare di quella che credeva una damigella fidatissima. Ma una notte la strega si ubriaco' con il vino di palazzo e, credendo di poter diventare bella come la principessa, tiro' fuori il fondotinta magico dal baule dove l'aveva nascosto e lo utilizzo' proprio di fronte a Principessa Bandolina!
La principessa si rese conto allora di quanto aveva sbagliato a fidarsi di quella damigella. Convoco' a palazzo i piu' forti cavalieri del regno e li incarico' di recuperare il prezioso oggetto rubato, strappandolo dalle mani della strega. Solo il piu' forte e bello tra loro, Sir Albanello, riusci' nell'impresa di riportare il fondotinta nelle mani della principessa dopo aver affrontato imprese meravigliose ed aver superato incredibili pericoli. La strega traditrice venne infine smascherata e bruciata sul rogo dopo un processo sommario, mentre principessa Bandolina ed il cavaliere Albanello si sposarono e vissero per sempre felici e contenti.
Fine.
Morale della favola: le cazzate sono piu' sopportabili quando sono espresse in forma sintetica.
* Basato su una storia vera.




9/9
2003

 

Nove Settembre...
Questa data mi ricorda qualcosa, ma non saprei dire. Se a qualcuno viene in mente me lo scriva.
Ieri ho visto la puntata dei Simpson in cui Lisa diventa vegetariana (pregiata chicca nella videoteca della mia morosa).
Ah, che soave commozione. Peccato non abbiano citato anche la domandona a cui noi vegetariani dobbiamo essere sottoposti ogni qualvolta la nostra colpa viene rivelata ad un cosiddetto onnivoro.
Io so benissimo perche' voi mangiate animali: siete deboli cloni eterodiretti del sistema capitalistico, servi inconsapevoli di una cultura assassina e macellaia. Ma non ve lo faccio notare ad ogni boccone di carne in putrefazione che vi cacciate in gola. Voi siete i normali.
Invece noi oltre ad essere trattati come anomalie fisiche ed essere circondati da persone che si sentono in diritto e dovere di farsi i cazzacci nostri, siamo anche vittime di scandalosi luoghi comuni. Il fatto che in virtu' della nostra astensione dalla carne noi dovremmo essere piu' tranquilli, rilassati e pazienti, meno violenti, ad esempio.
Balle. E' ora che lo sappiate: siamo tranquilli perche' stiamo organizzando la lotta armata, schifosi mangiacadaveri*.

* Questa affermazione esprime esclusivamente un'opinione di chi l'ha scritta e non costituisce prova sufficiente ad internare, isolare o ingerire esseri viventi differenti dal suo autore.




8/9
2003

 

8 Settembre.
La data suscita di per se' sentimenti contrastanti. Dal groviglio di truppe allo sbando, re fuggitivi, uomini che abbandonano la guerra del fascio e tornano alle loro case, soldati che non rinunciano agli ideali inculcati loro da vent'anni di regime, marescialli vigliacchi, gente presa in mezzo dalle proscrizioni, emerge un solo nitido pensiero:
Fasci bastardi schiattate, la Resistenza e' cominciata.
...
Beh, un solo pensiero e' meglio di niente.




4/9
2003

 

Il mio livello di diffidenza e scetticismo, che in piu' di un'occasione ha rischiato di minare la mia vita sociale, rischia di portarmi alla schizofrenia quando leggo le dure espressioni di disprezzo espresse da Johnny Depp nei confronti del presidente Cespuglio e degli Stati Uniti (vedi ad esempio Il Nuovo di oggi, il link mettecelo voi).

+ 0,1 secondi dopo la lettura dell'articolo: ecco un altro che salta sul carro della protesta...
+ 0,5 secondi: ...pero' ha ragione...
+ 1,2 secondi: ...ma rimane un falsone, perche' lui con i soldi degli americani che vanno al cinema ci campa...
+ 1,8 secondi: ...ma non ha paura di dire quello che pensa...
+ 2,4 secondi: ...anche perche' deve tenersi buoni i francesi, ovvio che deve attaccare gli USA...
+ 3 secondi: ...ma quella cosa che l'America e' un giocattolo rotto e da buttare non e' male...
+ 3,6 secondi: ... probabilmente sara' la frase di lancio del suo prossimo film...

... e cosi' via. Dopo 2 minuti (120 secondi) amavo ed odiavo Johnny Depp in misura egualmente incondizionata. Dopo 4 minuti (240 secondi) una parte di me credeva di essere Johnny Depp, l'altra mi fracassava articoli di cancelleria sulle gengive. Fortunatamente la mia mente non e' in grado di pensare allo stesso argomento per piu' di 250 secondi, quindi la rissa e' stata breve e non particolarmente sanguinosa.
Mi rimane un dubbio: che J.Depp voglia farsi perdonare quella cazzata inpiratata della Prima Luna?
Diavolo, ricomincio.




3/9
2003

 

Chiedo sia messo agli atti che io mai, mai, mai neppure durante le piu' torride giornate di Lug et Ago ho desiderato od espresso la richiesta di vivere sotto un tempo merdoso come quello che mi sta opprimendo da tre giorni a questa parte.
Ieri sera discussione sulle virtu' terapeutiche della cannabis. Personalmente ritengo l'annoso dibattito sulla legalizzazione una questione adolescenziale, o al massimo tardo-adolescenziale. Devo pero' ammettere di aver trascurato a lungo gli sviluppi accademici del problema; solo recentemente sono tornato a dedicarmi all'argomento, riscoprendo un approccio empirico slegato da basi teoriche ma ciononostante gratificante tanto sul piano intellettuale che su quello spirituale. Pertanto sulla base di alcuni rigorosi esperimenti giungo ad affermare che la cannabis ha proprieta' terapeutiche e questo sia di per se' prova incontrovertibile e chiosa definitiva del dibattito. Grazie per l'attenzione, grazie, grazie.
Concludo ricordando questo breve siparietto:
S.B.: Mi piace l'uomo ignorante.
Lusky: ...detto da una che legge Proust...
S.B.: Io non lo leggo Proust, l'ho solo comprato.